LA SPADA NELLA ROCCIA


La Spada nella Roccia


DATA:  dall'1 al 3 novembre
LOCALITA': Toscana

PROGRAMMA DI VIAGGIO

    1/11 Partenza-ARGENTARIO (km 519)
    Incontro dei partecipanti e partenza per l’Argentario con Porto Santo Stefano, rinomata località balneare e principale centro abitato della penisola, con un bel porto turistico della Pilarella e la Fortezza spagnola del XVII secolo che domina la parte alta del paese . Proseguimento per l’hotel, cena e pernottamento.

    2/11 MONTERIGGIONI-VOLTERRA-COLLEvalD’ELSA-
    Giornata dedicata alla visita di alcune meraviglie toscane: Monteriggioni, la cui cerchia muraria e le 14 suggestive torri la stringono come in un abbraccio. Subito dopo Volterra, conserva tuttora tracce evidenti del suo passato etrusco e di quello romano. Per finire Colle Val D’Elsa, conosciuta soprattutto per la sua produzione di cristallo, che offre una splendida atmosfera medievale ed un bellissimo Duomo. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

    3/11 SAN GALGANO-Rientro (km 501)
    Partenza per San Galgano, la cui Abbazia che può vantare “un tetto fatto di cielo” e domina un’ampia piana in Val di Merse, circondata da Natura e silenzio. Nella vicina Rotonda di Montesiepi si trova conficcata la spada nella roccia. Sosta per il pranzo e rientro nei luoghi di origine, dove l’ arrivo è previsto in serata.

    QUOTA INDIVIDUALE:  Euro 260,00
    LA QUOTA INCLUDE:  Viaggio in bus GT – sistemazione in hotel cat. 4**** - trattamento e visite come da programma - assicurazione – accompagnatore
    LA QUOTA NON INCLUDE:  Bevande – eventuale tassa di soggiorno – ingressi nei luoghi a pagamento – mance e tutto quanto non specificamente indicato ne “La quota Include

CONDIVIDI QUESTO EVENTO: 




ITINERARIO DI VIAGGIO


ANTEPRIMA TOUR

SAN GALGANO, VOLTERRA, VAL D’ELSA




San Galgano è un luogo dal grande fascino, include due punti di attrazione; la grande Abbazia con un'enorme chiesa senza tetto e l'eremo di Monte Siepi dove, secondo la leggenda, San Galgano si ritirò a vita eremitica nel 1170. Come simbolo di pace infisse la sua spada dentro la roccia, dove si trova ancora oggi. Andiamo a conoscerne la storia, un ottimo spunto per visitare un’area della Toscana meno battuta dal turismo di massa.

STAMPA QUESTA OFFERTA